La Storia

Nel 1979 il Vescovo Diocesano Monsignor Siro Silvestri suggerì e incoraggiò l’apertura di una Residenza per gli anziani nella Valle del Vara utilizzando i locali dell’ex orfanotrofio Sacro Cuore.

Interpellò i sacerdoti nativi di Brugnato secondo l’anzianità al fine di affidare l’organizzazione della struttura, e designò Don Mario Perinetti.

L’avvio dell’opera non fu semplice a causa di problemi burocratici ed economici, tuttavia il comitato ristretto composto da Don Mario Perinetti e alcuni volontari del posto, sulla spinta di una forte volontà realizzativa affrontarono le varie difficoltà confidando sull’aiuto di Padre Pio.

La Residenza per anziani Sacro Cuore fu cosi terminata in parte, e risultò una manna per la vallata del Vara e per la provincia di La Spezia e in pochi anni arrivò ad avere 50 ospiti creando numerosi posti di lavoro. La Regione Liguria vista la bontà del progetto contribuì ad ampliare il vecchio istituto dando, in due fasi successive, fondi per la costruzione di una nuova ala del Sacro Cuore che oggi ospita oltre 140 pazienti .

Nel 1998 Don Mario, sulla spinta della legge Bindi che obbligava a portare i malati psichiatrici entro la provincia di appartenenza, ebbe un ulteriore intuizione quella di dedicarsi ai malati psichiatrici e presentò il programma al Vescovo di allora. Essendo un progetto molto ambizioso, trattandosi di dover costruire un Centro Psichiatrico, la curia di La Spezia affiancò a Don Mario un Consorzio di Cooperative Sociali di fiducia e di esperienza. Venne costituita una cooperativa per la costruzione del Centro che in seguito si trasformò in Consorzio Campo del Vescovo che dette vita a sua volta a ulteriori cooperative destinate a svolgere i servizi nelle strutture.In breve tempo il Centro, intitolato a Mons. Siro Silvestri, arrivò ad ospitare oltre 60 pazienti di svariate tipologie psichiatriche.

Oltre la soddisfazione di aver creato molti posti di lavoro in una vallata di per sé depressa, Don Mario è riuscito a far fronte all’impegno finanziario anche con risorse economiche famigliari e senza alcun contributo da parte degli enti preposti.

Oggi l’organizzazione ha permesso di mettere radici anche fuori provincia.

“Il primo ringraziamento va alla Provvidenza per la realizzazione dell’opera che ci ha aiutato in frangenti

molto complicati; poi allo staff del Consorzio Campo del Vescovo che con vero spirito di dedizione ha

permesso di raggiungere tali obbiettivi. Lo spirito che lega questo gruppo e’guardare al futuro

progettando ulteriori risposte ai problemi sociali che in quotidianamente si riscontrano sul territorio.”

Don Mario Perinetti.

Consorzio Campo del Vescovo

Chi Siamo

Scopri di più su Campo del Vescovo e sulle sue varie attività.

La Storia

Dalla nascita dell’organizzazione fino ai giorni nostri.

Il Consorzio Oggi

Campo del Vescovo e tutte le attività che compongono il Consorzio.

Dove Siamo

Campo del Vescovo opera in diverse località in Liguria e Toscana.